FAQ – Bando Misura 3.2 Sostegno per attività di informazione e promozione svolte da associazioni di produttori nel mercato interno

Per porre un quesito è necessario inoltrare una e-mail all'indirizzo: faqpsr.mis3.2@regione.basilicata.it

 

Cliccare sulla FAQ per visualizzare la risposta.

D.1 Se si partecipa con due o più prodotti biologici questi vengono considerati un solo prodotto o due o più. Come esempio: olio biologico, castagne biologiche, grano biologico. Quanti prodotti vengono considerati ai fini della determinazione del punteggio e del plafond di spesa?

R.1 In riferimento alla tabella dell'articolo 7 per Prodotto si intende Certificazione. Nell'esempio proposto di una compagine che rappresenti olio biologico, castagne biologiche, grano biologico essa rientrerebbe nella categoria prevista nella colonna 1 prodotto (certificazione biologica). 

D.2 “Si chiede conferma in merito alla possibilità di partecipazione di una società consortile a responsabilità limitata riconosciuta dalla Regione Basilicata quale Associazione di Organizzazione di Produttori che non risulta beneficiaria di alcun contributo a valere sulla misura 3.2 – 1° finestra, che ha fra i propri associati una OP che è risultata beneficiaria del contributo economico a valere sul primo bando 3.2 che completerà nel corso del 2021 (comunque dopo la data di presentazione). Si precisa che le produzioni per le quali sarà presentato il programma dì informazione e promozione fanno riferimento alle produzioni biologiche di cui al Reg. CE 834/2007 e alle produzioni del sistema SQNPI – Sistema di qualità nazionale di produzione integrata, provenienti da aziende agricole diverse rispetto a quelle inserite nella precedente progettualità.”

R.2 Ai sensi dell’articolo 5 del bando I beneficiari (sia il capofila che i singoli produttori primari facenti parti delle ATI/ATS) possono partecipare ad un solo programma di informazione/promozione, per ogni prodotto, pena l’esclusione dal regime di sostegno di cui alla presente sottomisura. Pertanto la Associazione non potrà partecipare se il programma riguarda la certificazione oggetto del programma finanziato dal precedente bando.

D.3 Un Consorzio di Tutela e Valorizzazione IGP con circa 200 associati, di cui  circa la metà opera in regime di agricoltura biologica intende partecipare al bando per le due certificazioni. Non partecipando attraverso la costituzione di ATS con altri consorzi chiede se la propria partecipazione rientra nella categoria “Altri beneficiari” per “2 prodotti” e per un massimale di investimento pari a “euro 70.000 o se il Consorzio, vista la numerosità dei propri consorziati e la sua capacità di aggregazione sul territorio, non possa essere considerato nella categoria “ATI/ATS tra Consorzi di Tutela e/o Valorizzazione” per un massimale di intervento pari a “euro 100.000”.

R.3 Secondo quanto previsto dall’art. 7 del bando, come correttamente interpretato, il soggetto proponente rientra nella categoria “Altri beneficiari” con un massimale di investimento per 2 certificazioni di cui all’art.6 pari ad € 70.000,00.  

X

Pin It on Pinterest

X
Testo
Contrasto