FAQ – Bando Misura 6.4.3 Sostegno per la realizzazione di impianti di energia da fonti rinnovabili

Per porre un quesito è necessario inoltrare all’indirizzo mail faqpsr.mis6.4.3@regione.basilicata.it

 

Cliccare sulla FAQ per visualizzare la risposta.

D.1 

Poiché E-distribuzione risponde ad una richiesta di connessione entro 90 gg lavorativi, non è possibile avere un punto di connessione entro il termine del bando per coloro i quali  decidessero di investire a seguito delle pubblicazione del bando. Per ottenere il punteggio di riferimento, può essere sufficiente l’inoltro della domanda di connessione?

R.1 

L’art. 12 del bando stabilisce che il punteggio sarà attribuito ad “impianti che già dispongono di un punto di connessione alla rete elettrica”. Pertanto il solo inoltro della richiesta di connessione non è sufficiente per l’attribuzione del relativo punteggio.

D.2

Il massimale di 100.000 euro indicato nel bando è da intendersi come importo massimo erogato dalla Regione Basilicata? Oppure va inteso come investimento massimo ammissibile su cui applicare il 50% di aiuto a fondo perduto (e quindi l’erogato sarebbe 50000 euro)?

R.2

L’art. 7 del bando stabilisce che  il sostegno sarà concesso sotto forma di contributo in conto capitale, con intensità di aiuto fino al 50% del costo dell’investimento totale ed un massimale di euro 100.000 (centomila) per beneficiario. Pertanto il contributo massimo concedibile è di euro 100.000  per beneficiario.

D.3

nel caso di un IMPIANTO EOLICO (UNA SOLA PALA) GIA’ ESISTENTE MA NON FUNZIONANTE (con un contratto di connessione alla rete elettrica pari a una potenza max di 50 kwp), cosa si intende per AMPLIAMENTO DI UN IMPIANTO/PROGETTO GIA’ ESISTENTE (art. 5 – nota 2 del bando).

R.3

Si ha ampliamento di progetti già esistenti quando si aggiunge almeno un elemento all’impianto. L’ampliamento è ammesso a condizione che la nuova impiantistica non sviluppi una potenza maggiore di 1MW. La manutenzione per il funzionamento di impianti esistenti non può essere considerata ampliamento.

D.4

Con riferimento al Bando di che trattasi si chiede di sapere se, nel caso in cui, il Punto di Connessione  alla Rete  ENEL   sia  intestato  a  persona  congiunta della propria <Situazione di Famiglia>, piuttosto che al Titolare dell’Azienda  Agricola,  siano riconoscibili  o meno i 3 Punti previsti all’ultimo Principio dei Criteri di Selezione di cui all’articolo 12 del Bando?

R.4

Il punteggio relativo al criterio “Impianti che già dispongono di un punto di connessione alla rete elettrica” sarà assegnato qualora il punto di connessione alla rete elettrica di cui si dispone sia intestato al soggetto richiedente il contributo previsto dal presente bando.

 

D.5

Con  riferimento  al  Bando di che trattasi,  si  chiede  di  sapere  se,   le Spese per la Rimozione e lo Smaltimento  (conferimento  a  Discariche Autorizzate)  dei Manti di Copertura  in  AMIANTO   ed   ETERNIT  (con  conseguente  loro  sostituzione  con  Pannelli  Sandwich  di  Poliuretano  e/o  Polistirene  espansi)  sono  ammissibili  a  finanziamento  o  meno ?

R.5

Le spese per la rimozione e lo smaltimento (conferimento a discariche autorizzate) dei manti di copertura in amianto ed eternit sono ammissibili nell’ambito del 10% della spesa ammessa e nella misura in cui rientrano nelle lavorazioni accessorie per il completamento delle opere da realizzare.

D.6

La mancanza della documentazione di cui al punto 5-6-10 dell’articolo 9 del bando è motivo di esclusione.

Il punto 10, tuttavia, parla di “(eventuale) attestazione del gestore della rete elettrica della disponibilità di un punto di connessione”, determinando dunque l’eventualità del documento, e non l’obbligatorietà.

Il documento di cui al punto 10 è obbligatorio o va prodotto eventualmente?

Se obbligatorio, si precisa che tale attestazione  non è possibile riceverla. Invero, tale “disponibilità di un punto di connessione” è strettamente subordinata all’ottenimento del preventivo di connessione, che viene emesso in circa 120 gg (ben oltre la scadenza del bando).  Come possiamo onorare tale punto 10 dell’articolo 9 del bando?

R.6

La documentazione di cui al punto 10 dell’art. 9 del bando deve essere prodotta entro il termine perentorio stabilito dal bando qualora il richiedente ne fosse già in possesso. Nel caso in cui l’attestazione del gestore della rete elettrica della disponibilità di un punto di connessione sia in via di acquisizione, sarà  consentito integrare successivamente il documento.

D.7

In merito alla faq 1, si richiede ulteriore delucidazione, fermo restando quanto indicato in risposta alla faq 1 e dall’art. 12 del bando, ovvero che il punteggio viene attribuito solo in caso di:

 “impianti che già dispongono di un punto di connessione alla rete elettrica”. 

Nel caso in cui nella domanda di connessione venga indicato un POD già attivo con potenza in immissione +/- 10% della potenza in prelievo esistente, la qual cosa determina gioco forza  UN PUNTO DI CONNESSIONE SICURO, il punteggio di 3 punti  può essere attribuito?

R.7

Il punteggio relativo agli “Impianti che già dispongono di un punto di connessione alla rete elettrica” sarà attribuito qualora il richiedente dimostri di avere un POD attivo.

D.8

In merito alla misura 6.4.3. un azienda che è già in possesso di Tica per 50 Kw per realizzazione impianto a biomasse vuole presentare il progetto il cui costo è maggiore di 100.000,00 € di spesa ammissibile e quindi un contributo di € 50.000,00, può partecipare lo stesso?

R.8

Per la risposta al presente quesito si rinvia alla faq n. 2

D.9

Spett.le Responsabile della 6.4.3

In riferimento al punteggio sulle biomasse

Art. 12 punto punti 4.

Se per un’abitazione rurale abitata dal titolare della pratica,

è possibile, con un adeguato progetto del fabbricato, installare

un impianto a biomassa (es. stufa a biomassa)  per il riscaldamento dell’intera abitazione,

attualmente alimentato a gasolio.

Grazie anticipatamente

R.9

L’intervento proposto non è ammissibile a finanziamento in quanto non coerente con gli obiettivi del bando.

 

D.10

Le scrivo per chiederle chiarimenti  circa il seguente  bando :  Misura 6  Sviluppo delle aziende agricole e delle imprese, sottomisura 6.4.3 – Sostegno per la realizzazione di impianti di energia da fonti rinnovabili.

Si tratta di una azienda agricola di Colobraro il cui titolare alcuni anni fa installò totalmente con fondi propri, un aerogeneratore nuovo da 50 kW avendo ottenuto tutte le autorizzazioni elettriche , regionali e comunali.  Questa macchina, è stata manutenuta male per cui  è quasi subito  andata in avaria restando ferma. Altri manutentori , hanno addirittura privato la macchina di molte parti vitali per cui ci troviamo di fronte ad un aerogeneratore regolarmente allacciato ed autorizzato con incentivo GSE ma fermo e non funzionante. Di buono ed utilizzabile resta il plinto e la torre. La navicella va sostituita in blocco poichè non più recuperabile. Questa è la situazione odierna.

Il titolare dell’azienda agricola mi ha incaricato di produrre la vasta documentazione tecnica richiesta dal bando. Ora , poichè ci troviamo di fronte ad una macchina già completamente autorizzata, alcuni punti del paragrafo “documentazione tecnica richiesta” sono stati già a suo tempo presentati quindi le  chiedo, in questo particolare caso, quali elaborati tecnici dovrei ancora produrre. Specifico che il cliente vorrebbe usufruire del bando per finanziare una navicella nuova di identica potenza elettrica per sostituire la vecchia che è praticamente un guscio vuoto essendo stata cannibalizzata dai cosiddetti manutentori. Questo è quanto.  La ringrazio.

R.10

Per l’individuazione della documentazione richiesta si rinvia all’art. 9 del bando.

D.11

L’acquisto di un impianto di accumulo dell’energia prodotta rientra nelle spese ammissibili?

R.11

Non rientra nelle spese ammissibili

X

Pin It on Pinterest

X
Testo
Contrasto