banner testa

N. 13 / 2022

Prima-foto
Regione Basilicata: sottoscritto il Contratto integrativo settore idraulico agrario e forestale.
L’Assessore alle Politiche Agricole, Forestali ed Alimentari Francesco Cupparo – accompagnato dalla dirigente generale del Dipartimento Emilia Piemontese e dal funzionario Ufficio Foreste Piernicola Viggiano - e i segretari di Flai-Cgil, Fai-Cisl e Uila-Uil Esposito, Romano e Nardiello hanno sottoscritto il Contratto integrativo regionale per gli Addetti al settore idraulico agrario e idraulico forestale. Tra gli aspetti più significativi è previsto un incremento della retribuzione pari al 2% per tutti i lavoratori a tempo determinato e indeterminato a decorrere dal 1° gennaio 2023. Sarà costituito in Basilicata l’osservatorio regionale, così come definito nel CCNL di categoria vigente; l’osservatorio rappresenterà l’organo consultivo circa la corretta applicazione delle norme contrattuali. Nel documento Regione e sindacati riconoscono che il bosco in Basilicata, oltre a rappresentare una risorsa importante di riequilibrio, può diventare la base di un nuovo sviluppo economico, produttivo, sociale ed occupazionale per l’intera Regione. Gli operai forestali che operano prevalentemente in zone montane, sono fondamentali sul piano dell’equilibrio territoriale, perché contribuiscono a custodire vaste zone che assicurano un ruolo vitale per la sicurezza delle città e delle campagne di pianura, attraverso complessi sistemi idrogeologici ed ecologici del nostro Paese.

Opportunità in rete

opportunità in rete
Forum LEADER Giovani 2022. Immagina il futuro delle aree rurali. Iniziativa gratuita di formazione partecipante, con l'obiettivo di coinvolgere i giovani attivi in progetti di sviluppo locale di tutto il territorio nazionale nello sviluppo di nuove idee per rendere le aree rurali più accoglienti, competitive e sostenibili. L'iniziativa è rivolta a 50 giovani di età compresa tra i 19 e i 29 anni che hanno avuto modo di collaborare direttamente alle attività di un GAL o nell'ambito di progetti da essi sostenuti. Inviare la domanda di partecipazione dal 23/8/2022 al 10/09/2022 compilando il form al seguente link: https://forms.gle/T6Pp8zagrDDNFtqk8
PO FEAMP Basilicata 2014 - 2020 - Misura 5.69 - Trasformazione dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura La Misura è diretta a promuovere la competitività delle aziende che operano nel settore della trasformazione e commercializzazione attraverso la realizzazione di investimenti finalizzati al risparmio energetico, alla riduzione dell’impatto ambientale, al miglioramento della sicurezza, dell’igiene e delle condizioni di lavoro. Si intende favorire l’innovazione sia delle strutture che dei processi produttivi e, al contempo, la possibilità di lavorare sottoprodotti derivanti da attività di trasformazione principale, di prodotti dell’acquacoltura biologica, di prodotti provenienti da catture commerciali che non possono essere destinate al consumo umano. Sono inoltre previsti investimenti che consentono di realizzare prodotti nuovi o migliorati, che portano a processi nuovi o migliorati o a sistemi di gestione e di organizzazione nuovi o migliorati. SCADENZA PROROGATA AL 15 SETTEMBRE 2022
P.S.R. 2014/2022 Bando Misura 6.4.3 Sostegno per la realizzazione di impianti di energia da fonti rinnovabili. Sostenere investimenti per lo sviluppo di attività extra agricole aumentando direttamente il reddito delle famiglie residenti nelle aree rurali.
L’obiettivo dell’operazione è quello di diversificare l’attività dell’imprenditore agricolo attraverso la produzione e vendita di energia da fonti alternative.
SCADENZA 14 SETTEMBRE 2022
P.S.R. 2014/2022 Bando Misura 8.1 Sostegno alla forestazione e all’imboschimento Secondo avviso. Il bando ha finalità esclusivamente protettive, paesaggistiche e sociali, ma ha anche lo scopo di contribuire alla mitigazione dei cambiamenti climatici, alla difesa del suolo, alla regimazione delle acque, utilizzando specie forestali, arboree e/o arbustive autoctone di provenienza locale, anche con materiale vegetale micorizzato, adatte alle condizioni climatico –ambientali dell’area nonché conformi ai requisiti ambientali minimi attraverso impianti di bosco (permanente, seminaturale/naturaliforme)
SCADENZA 19 SETTEMBRE 2022
Bando “Coltiviamo Agricoltura Sociale 2022” Il Bando nella “sezione ordinaria” prevede tre premi di 40.000 euro ciascuno per tre progetti innovativi di Agricoltura Sociale. Ai tre progetti vincitori sarà, inoltre, assegnata una borsa di studio per la frequenza alla ottava edizione del Master di Agricoltura Sociale presso l’Università di Roma Tor Vergata. Per questa edizione, Senior L’Età della Saggezza Onlus istituisce un premio “speciale” di 20.000 euro per progetti riguardanti la gestione e riqualificazione del verde pubblico. Alla “sezione speciale” possono partecipare anche le cooperative sociali non agricole. I progetti dovranno essere presentati entro il 20 ottobre 2022.
Parco Agrisolare: il contributo a fondo perduto per la realizzazione di impianti fotovoltaici su edifici a uso produttivo È stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale - Serie Generale n. 149 del 28/06/2022 il Decreto Ministeriale del 25/03/2022 che fornisce le direttive necessarie all'avvio della misura "Parco Agrisolare", a cui sono dedicate risorse pari a 1,5 miliardi di euro a valere sui fondi del PNRR. Il finanziamento consiste nell'erogazione di un contributo a fondo perduto per la realizzazione di impianti fotovoltaici su edifici a uso produttivo nei settori agricolo, zootecnico e agroindustriale. Gli elementi di dettaglio, inclusa la data di avvio per la presentazione delle domande, saranno contenuti nel Bando che sarà emanato nei prossimi mesi.

Scarica il Decreto Ministeriale 25-03-2022 (1.64 MB)
Avviso pubblico per la manifestazione di interesse per la selezione di associazioni/organizzazioni di produttori e dettaglianti Realizzazione di un progetto sperimentale di promozione e comunicazione finalizzato a supportare la filiera dei prodotti lattiero-caseari di qualità DOP e IGP attraverso l'utilizzo di una piattaforma telematica di commercializzazione regolamentata per favorire l’incontro tra domanda e offerta e che promuova l’acquisto dei prodotti di qualità in canali di distribuzione alternativi rispetto alla Grande Distribuzione Organizzata. Il progetto prevede l’avvio della commercializzazione telematica già entro la fine del 2022. Al link tutte le informazioni su: modalità di partecipazione, requisiti di ammissibilità dei candidati e tipologia di attività da svolgere. https://bit.ly/3zWWgYl
SCADENZA INVIO CANDIDATURE 30 SETTEMBRE 2022

Letture dal campo

letture dal campo
Lavoro, la siccità aumenta le diseguaglianze sociali

L’ondata di caldo e di siccità che sta colpendo l'Italia e altri paesi europei, induce a riflettere sulle conseguenze più evidenti: i danni per l’agricoltura e le ricadute per l’economia, oltre che i disastri naturali. Un recente rapporto pubblicato dall’Istituto sindacale europeo (ETUI) avverte che il cambiamento climatico rischia anche di contribuire a esacerbare ulteriormente le già ampie diseguaglianze sociali. In un rapporto appena pubblicato (e intitolato Heatwaves as an Occupational Hazard), Claudia Narocki sostiene che le ripetute ondate di caldo stanno mettendo a rischio «la salute, la sicurezza e il benessere dei lavoratori». «Lo stress termico riflette e accentua le ineguaglianze sociali preesistenti». Il caldo è un rischio professionale frequente per i lavoratori manuali, poco qualificati, stagionali, caratterizzati da un reddito basso e da compiti che richiedono uno sforzo fisico, all'aria aperta, magari sotto al sole. Secondo la ricercatrice spagnola, il danno colpisce il singolo, ma anche la collettività. Inevitabilmente, l’impatto che le ondate di caldo hanno sui lavoratori più a rischio comporta una riduzione della produttività e della competitività dell’intera economia.

(Fonte www.ilsole24ore.com)
Il cibo come souvenir delle vacanze

Il cibo è diventato il souvenir preferito dagli italiani. Quando tornano dalle vacanze oltre un italiano su 2 (56%) acquista prodotti tipici per portarli a casa. Questo è quello che emerge dall’indagine Coldiretti/Ixè. Quello che riempie le valigie degli italiani sono i prodotti tipici e le specialità soprattutto del nostro territorio come i formaggi che primeggiano davanti a salumi, dolci, vino e olio d’oliva. Secondo Coldiretti si tratta di una tendenza recente quella dell’acquisto dei prodotti tipici come ricordo delle vacanze. Questo è dovuto alla crescente valorizzazione dei prodotti locali delle zone turistiche come i percorsi enogastronomici, sagre, città del gusto, aziende e mercati degli agricoltori di Campagna Amica. Sempre di più gli italiani sono attratti da località nascoste, meno turistiche come parchi, montagne e piccoli borghi che si possono visitare con una gita di un giorno come fa il 70% degli italiani. In linea con questa tendenza, in crescente richiesta sono anche i 25mila agriturismi presenti in Italia. Il motivo potrebbe essere la ricerca di un turismo sostenibile dove fare anche attività sportive o percorsi naturalistici e archeologici.

(Fonte newsmondo.it)

Storie e territorio

storie e territorio 2
Sostenibilità agricola 4.0: c'è l'app Barilla Farming

Barilla Farming è una nuova piattaforma digitale che aiuta in modo semplice gli agricoltori e tutti gli operatori della filiera in ogni fase della produzione, dalla gestione delle aziende agricole, al monitoraggio dei dati degli agricoltori, con specifiche allerte di rischio insorgenza malattie del frumento fino alla gestione degli ordini lungo la filiera. Barilla Farming sarà lo strumento digitale che semplifica la comunicazione dei dati della filiera della Carta del Mulino, il disciplinare del gruppo Barilla per la coltivazione sostenibile del grano tenero. Barilla fa sapere che la piattaforma di xFarm Technologies, permette una gestione completa della filiera perché aiuta sia gli agricoltori a monitorare e a migliorare ciò che avviene in campo, sia i responsabili di filiera e i tecnici dei molini ad avere sotto controllo i dati aggregati delle aziende agricole e a confrontare i principali parametri e indicatori aziendali. La piattaforma consente anche di avere un pieno controllo della sostenibilità grazie al monitoraggio di quattro parametri ambientali impronta carbonica, impronta idrica, eutrofizzazione e acidificazione che sono calcolati sulla base delle attività agronomiche svolte dagli agricoltori e visualizzabili direttamente dall'app Barilla Farming.

(Fonte www.foodandtec.com)
ENEA, in Basilicata: smart irrigation e sensori hi-tech per ridurre il consumo di acqua

Finanziato dalla Regione Basilicata con 260 mila euro, e condotto da Asso Fruit Italia in collaborazione con 11 partner, tra cui ENEA, CNR, CREA e Università degli Studi della Basilicata, il progetto TRAS.IRRI.MA si è focalizzato sul trasferimento alle PMI agricole di tecnologie già mature ma poco diffuse e di pratiche agricole sostenibili. Per il progetto sono state coinvolte alcune aziende agricole del Metapontino (Matera), tra cui una dedita alla produzione di pesche e l’altra alla coltivazione di kiwi. “Siamo riusciti a ridurre del 23% il consumo di acqua del pescheto, aumentando la capacità di immagazzinamento idrico del suolo e migliorando la gestione dell’irrigazione” racconta Ilario Piscioneri, ricercatore ENEA. “Grazie al network TRAS.IRRI.MA è stato possibile trasferire al settore agricolo della Basilicata conoscenze, competenze e innovazioni hi-tech per ridurre i consumi d’acqua”, aggiunge il ricercatore ENEA. Attraverso una formazione mirata, i partner del progetto hanno messo a disposizione delle aziende agricole conoscenze essenziali che comprendono le condizioni atmosferiche, la natura del substrato e le sue caratteristiche fisiche e biochimiche, la specie coltivata e la sua fase fenologica che riguarda il rapporto tra i fattori climatici (come temperatura, umidità e fotoperiodo) e la manifestazione stagionale della vita vegetale come la germogliazione.

(Fonte www.agrifood.tech)

Il valore della terra

paesaggio rurale
Authentico, basta una foto per scoprire il cibo falso italiano

Ha ormai 10mila download la app che consente di riconoscere il prodotto tipico vero smascherando fake e contraffazioni. Il più conosciuto è probabilmente il Parmesan. Brutta copia del nostro Parmigiano Reggiano. Poi ci sono l'European Mozzarella Cheese, la Mortadela (con una sola elle). Ma questi sono solo alcuni esempi. Perché in giro per il mondo le imitazioni delle eccellenze alimentari italiane, nel solco dell'italian sounding, sarebbero circa 4 mila. Queste almeno sono le copie scovate da Authentico, startup di Napoli che opera nel settore agroalimentare. Tutte sono confluite in una grande database realizzato grazie alle segnalazioni dei consumatori in vari angoli del globo. Questo grazie a una app che, inquadrando il codice a barre di un prodotto, segnala subito all'acquirente se si tratta di un fake oppure no. Grazie a questa tecnologia, attraverso il QR code stampato sulla confezione, possono raccontare al consumatore la storia di ogni prodotto, percorrendo a ritroso il percorso di produzione. Con l'applicazione i consumatori possono anche accedere, in presenza di un prodotto autentico, anche alle ricette italiane più famose e all'elenco dei ristoranti italiani all'estero che propongono la vera cucina made in Italy.

(Fonte www.ilsole24ore.com)
Corsa ai formaggi italiani, da Usa +14,2% a Giappone +11,2%

Secondo le rivelazioni di mercato elaborate dal Clal, negli Stati Uniti gli acquisti sono cresciuti del 14,2% in quantità su base tendenziale, superando le 15.500 tonnellate con l'Italia al primo posto fra i paesi fornitori, con una quota di mercato del 22%. Bene anche il Giappone, dove l'Italia avanza dell'11,2% rispetto ai primi cinque mesi del 2021, arrivando a toccare quota 4.664 tonnellate; un dato particolarmente positivo, perché si inserisce in un quadro di calo dell'import per i formaggi Giappone (-2,9%), forse rallentato dalle difficoltà logistiche e da un incremento dei prezzi unitari (+5,4%). In Canada, infine, l'accordo Ceta con l'Unione Europea ha dato sicuramente buoni risultati. Le importazioni sono aumentate dell'11,6% rispetto allo stesso periodo del 2021. L'Italia, in particolare, ha venduto 2.934 tonnellate di formaggi e, con una quota di mercato del 17%, è il secondo fornitore dopo gli Stati Uniti (26% di market share) e davanti alla Francia (14%), che nel periodo ha diminuito le vendite dell'11,4%.

(Fonte www.ansa.it)

Eventi in agenda

eventi in AGENDA
SANA Salone internazionale del biologico e naturale
Dal 8 al 11 settembre Bologna- quartiere fieristico
Per approfondimenti sana.it
Terra Madre Salone del Gusto
Dal 22 al 26 settembre Torino- Parco Dora
Per approfondimenti terramadresalonedelgusto.com
MailPoet