banner testa

N. 11 / 2022

Prima-foto
Giornata mondiale della sicurezza alimentare
Il 7 giugno 2022 l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e la FAO hanno celebrato la quarta Giornata mondiale della sicurezza alimentare per richiamare l'attenzione e mobilitare l'azione per prevenire, individuare e gestire i rischi di origine alimentare e migliorare la salute umana. Con una stima di 600 milioni di casi di malattie di origine alimentare all’anno, gli alimenti non sicuri rappresentano una minaccia per la salute umana e le economie a livello globale. Garantire la sicurezza alimentare è una priorità per la salute pubblica e un passo essenziale per raggiungere la sicurezza alimentare. Sistemi efficaci di sicurezza alimentare e di controllo della qualità sono fondamentali non solo per salvaguardare la salute e il benessere delle persone, ma anche per favorire lo sviluppo economico e migliorare i mezzi di sussistenza promuovendo l’accesso ai mercati nazionali, regionali e internazionali.

(Fonte Centro Regionale di Informazione delle Nazioni Unite)

Opportunità in rete

opportunità in rete
P.S.R. 2014/2022 - Bando Misura 16.3 Sostegno alla cooperazione tra piccoli operatori per processi di lavoro in comune La sottomisura punta a supportare lo sviluppo della cooperazione commerciale fra piccoli operatori nelle zone rurali coinvolti, a vario titolo, nell’organizzazione e/o sviluppo di servizi turistici legati al turismo rurale. La domanda deve essere rilasciata a SIAN. SCADENZA PROROGATA AL 30 GIUGNO 2022.

Letture dal campo

letture dal campo
Commissione europea approva regime di aiuti da 1,2 mld per agricoltura, silvicoltura e pesca
La Commissione europea ha approvato il regime quadro italiano notificato dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali che mette a disposizione 1,2 miliardi di euro a sostegno dei settori dell'agricoltura, della silvicoltura, della pesca e dell'acquacoltura per ridurre l'impatto sull'economia nazionale dall'invasione russa dell'Ucraina. Il regime è stato approvato nell'ambito del Quadro temporaneo di crisi per gli aiuti di Stato adottato dalla Commissione europea il 23 marzo 2022. Gli indennizzi previsti dalla misura di aiuto, rivolti alle imprese colpite dall'aumento dei prezzi dell'elettricità, dei mangimi e dei carburanti causato dall'attuale crisi, sono concessi sotto forma di sovvenzioni dirette, di agevolazioni fiscali o di pagamento, di anticipi rimborsabili e di riduzione o esenzione dal pagamento dei contributi previdenziali e assistenziali. In particolare gli aiuti non potranno superare il massimale di 35mila euro per le imprese attive nel settore primario e quello della pesca e dell'acquacoltura, mentre per le imprese attive nel settore forestale e in quello della trasformazione e commercializzazione il limite è posto a 400mila euro.
Tutti gli aiuti dovranno essere concessi entro il 31 dicembre 2022.

(Fonte www.politicheagricole.it)
Al via utilizzo oltre 200mila ettari di terreni per contrastare aumento prezzi delle materie prime

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto firmato dal Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Stefano Patuanelli che rende operative le deroghe ai regolamenti comunitari sulla PAC per ottenere il pagamento di inverdimento (greening). Oltre 200mila ettari di terreni potranno quindi essere riammessi nella filiera produttiva ed essere coltivati, contribuendo così ad aumentare il potenziale di produzione agricola destinata all'alimentazione umana e del bestiame e contrastare il forte aumento dei prezzi delle materie prime e degli impatti su domanda e offerta dei prodotti agricoli, innescati dall'invasione russa dell'Ucraina. Si tratta, in sostanza, di una deroga per il 2022 alle regole della Politica Agricola Comune, per sopperire alla mancanza di approvvigionamento di colture cerealicole a causa del conflitto in Ucraina.

Leggi il decreto in Gazzetta Ufficiale:
gazzettaufficiale.it

(Fonte www.politicheagricole.it)

Storie e territorio

storie e territorio 2
Capeggiati dal lucano Pozzulo, i cuochi azzurri campioni del mondo
Trionfo per gli azzurri della Nazionale Italiana Cuochi (Nic), che conquistano il titolo di Campioni del Mondo nella Categoria Senior del Global Chef Challenge di Abu Dhabi, piazzandosi davanti a Svezia e Singapore. Soddisfazione e commozione per il General manager Gianluca Tomasi che ha preparato la nostra Nazionale per una tra le più importanti competizioni di cucina a livello mondiale, dove l'Italia ha fatto incetta di premi. Infatti, oltre a salire sul podio più alto della categoria Senior, grazie a Marco Tomasi e Tommaso Bonseri Capitani, l'Italia si è aggiudicata anche due secondi podi: nella categoria Junior, con la giovanissima Giorgia Ceccato e nella categoria Pastry, con Antonio Dell'Oro e Luca Bnà. Un risultato storico per la squadra italiana, che era volata ad Abu Dhabi nei giorni scorsi accompagnata dal presidente della Federazione Italiana Cuochi Rocco Pozzulo. "Sentire che il nostro team aveva vinto l'oro - ha detto Pozzulo - è stata una gioia indescrivibile. Voglio ringraziare tutti coloro che hanno reso possibile questo incredibile traguardo, non solo i manager e gli chef della Nazionale, ma anche tutta la macchina organizzativa che ci ha permesso di essere qui oggi, coronando con un grande successo il lavoro di mesi e mesi di preparazione".

(Fonte www.ansa.it)
“Agroalimentare: Italia, una (pen)isola felice”
I tre pilastri dell’export agroalimentare italiano sono il vino, l’olio e la pasta. Nel 2021 il loro export complessivo si è attestato a 11,7 miliardi di euro (il 22,4% del totale export agroalimentare). Tali dati sono presenti nel focus “Agroalimentare: Italia, una (pen)isola felice” realizzato dall’ufficio studi di Sace. Il vino è un comparto rilevante per l’export agroalimentare italiano: il 13,6% del settore. I preferiti all’estero sono i vini fermi, esportati per un valore di 5,2 miliardi di euro. Il primo paese di esportazione dei nostri vini sono gli Stati Uniti ma stanno crescendo anche Cina e Giappone. Il primo produttore mondiale di olio di oliva è la Spagna con 1,3 milioni di tonnellate previste, circa il 40% della produzione mondiale. Al secondo posto, c’è l’Italia, la cui produzione quest’anno è stimata a 315 mila tonnellate (+15,2% rispetto alla precedente campagna). Spagnoli e greci sono i cittadini europei a consumare più olio, circa 11 kg di olio d’oliva pro capite annuali, a seguire Portogallo e Italia con quasi 7 chili. Un piatto di pasta su quattro al mondo è prodotto in un pastificio italiano. Nel 2021 nel mondo sono state prodotte 16,9 milioni di tonnellate di pasta, l’Italia è il primo produttore mondiale con 3,9 milioni di tonnellate e una quota del 23%, a seguire Stati Uniti e Turchia. Il nostro Paese è anche il primo consumatore con 23,5 kg pro-capite.

(Fonte www.startmag.it)

Il valore della terra

paesaggio rurale
Come far nascere l’insalata da fondi di caffè
Da una tazzina di caffè al bar nasce un’insalata. Accade a Circular Farm, azienda agricola senza terra che ha sede a Scandicci e produce cibo sano e di qualità rigenerando le risorse e limitando al massimo la produzione dei rifiuti. Circular farm nasce da un’idea di Antonio Di Giovanni che anni fa ha sviluppato il metodo Funghi Espresso, per la produzione di funghi dai fondi di caffè. Il ciclo parte dai fondi di caffè, molto ricchi di nutrienti, che vengono raccolti dai bar del territorio. Questi fanno da substrato alla coltivazione di funghi del genere Pleurotus e Shiitake che poi vengono venduti. Il substrato esausto viene rigenerato attraverso il processo di vermi-compostaggio, da cui si ottiene l’humus di lombrico, che poi viene impiegato come ammendante per l’orto sinergico. A loro volta i lombrichi vengono integrati nel circuito acquaponico, per il nutrimento di carpe Koi e persici trota: gli scarti organici dei pesci costituiscono fertilizzanti naturali impiegabili nella coltivazione di ortaggi come insalata e cavolo nero con il metodo idroponico, ovvero con una coltivazione fuori suolo. Una parte dei lombrichi viene inoltre data in pasto alle galline che producono uova, e la pollina torna al compostaggio per produrre dell’ottimo compost per l’orto.

(Fonte www.agrigiornale.net)
Ismea, costi produttivi su del 18,4% nel primo trimestre 2022
I costi agricoli sono lievitati di oltre il 18% in soli tre mesi, dopo aver chiuso il 2021 con un incremento del 6%. Ad evidenziarlo è l'Ismea. Per l'aggregato delle colture vegetali, si registra nel primo trimestre 2022 un aggravio dei costi sostenuti dagli agricoltori del 20,4% su base annua. I rincari, guidati dagli incrementi record dell'energia e dei fertilizzanti, hanno investito tutti i settori seppur con intensità differente. Per la zootecnia, nel primo trimestre del 2022, gli esborsi degli allevatori sono aumentati del 16,6% su base annua, registrando un'ulteriore spinta dopo il +6,4% del 2021, di riflesso agli incrementi dei prezzi degli animali da allevamento (+9,8%) e dei mangimi (+21%) oltre che dei prodotti energetici (+61,5%). In questo caso la dinamica dei prezzi di vendita ha dimostrato di non essere sempre in grado di assorbire i maggiori costi, esponendo gli allevatori all'erosione dei margini. Tra i vari comparti, avicoli, uova e bovini da latte risultano i settori più colpiti dagli incrementi dei costi produttivi, con i primi, tuttavia, in qualche modo avvantaggiati dall'alto livello di integrazione verticale. Ma l'attuale crisi dei prezzi sta investendo tutti gli anelli della filiera agroalimentare, dalla produzione primaria alla trasformazione industriale sino al consumo finale.

(Fonte www.ismea.it)

Eventi in agenda

eventi in AGENDA
Spagna e Italia di fronte all'aumento dei costi delle materie prime in agricoltura: il ruolo dell'innovazione
Venerdì 17 giugno ore 10.30
Per approfondimenti innovationrolewebinar.com

VIII^ Comitato di sorveglianza – Programma di Sviluppo Rurale 2014/2022 a cura dell’Ufficio Autorità di Gestione PSR Basilicata e Politiche di Sviluppo Agricolo e Rurale
Lunedì 20 giugno ore 09:00 San Severino Lucano
Per approfondimenti europa.basilicata.it/feasr/comitato-sorveglianza-2022/
La gestione della risorsa idrica. Conoscenza, cambiamenti climatici e innovazione. Quali le proposte?
Lunedì 20 giugno ore 09.00
Per approfondimenti informatoreagrario.it
Farm to Fork Europe 2022. Geopolitica, cambiamenti climatici, biostimolanti
21- 23 giugno 2022
Per approfondimenti informaconnect.com
  • Giornate Fitopatologiche 2022
21- 24 giugno Bologna presso il Centro Congressi di FICO Eataly World
Per approfondimenti giornatefitopatologiche.it
MailPoet