banner testa

N. 10 / 2022

Prima-foto
Fondo straordinario approvato in Consiglio Regionale a favore del settore agricolo
Uno stanziamento complessivo di 9 milioni di euro consentirà l’attuazione di primi interventi per il recupero della competitività delle aziende agricole e zootecniche lucane. Nello specifico: attivazione di un fondo dedicato alle aziende agricole con sede in Basilicata per la concessione di contributi in conto capitale, in forma di prestiti ad erogazione diretta a tasso agevolato per anni quindici, anche avvalendosi dell’Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare (ISMEA); attivazione di una misura in conto capitale per la ristrutturazione dei debiti delle imprese agricole e agroalimentari per un periodo di rimborso fino a venticinque anni. Le operazioni di rinegoziazione e ristrutturazione possono essere assistite dalla garanzia gratuita fornita dall’Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare (ISMEA). Per la concessione delle garanzie è autorizzata, in favore di ISMEA, l’appostazione di un fondo a destinazione specifica per la Basilicata rispetto a quanto già previsto dalla normativa nazionale. La spesa complessiva di questi interventi è di 3 milioni di euro. Inoltre, attivazione di una misura di sostegno temporaneo ed eccezionale alle imprese agricole e agroalimentari in forma di contributo in conto capitale, una tantum, erogato sulla base di un importo forfettario, per fronteggiare i maggiori costi sostenuti a causa dei notevoli incrementi dei costi di gestione aziendale, per 4 milioni di euro complessivi. Per le aziende del comparto zootecnico della Basilicata, attivazione di una specifica misura in forma di contributi in conto esercizio, volta a sostenere interventi di sanità veterinaria, biosicurezza e benessere animale, posti in essere dalle imprese zootecniche, per 1 milione di euro complessivo. Infine sostegno all’accesso al credito, sotto forma di fondo finalizzato all’erogazione di contributi in conto esercizio, per l’abbattimento degli interessi a fronte di finanziamenti concessi dagli istituti bancari alle aziende agricole con sede in Basilicata, per 1 milione di euro.

Opportunità in rete

opportunità in rete
Call per le innovatrici dell’Agritech
Percorso formativo della durata di 6 mesi a 10 imprenditrici italiane attive nel settore agroalimentare, con attività di mentoring e networking al fine di rafforzare la conoscenza del sistema agroalimentare italiano e globale. Scadenza:13 giugno

Bando per la partecipazione al corso sperimentale "Formazione e accompagnamento per giovani pastori"
L'obiettivo è quello di sperimentare iniziative innovative per l'inserimento lavorativo e l'accompagnamento all'impresa nelle aree interne e montane con particolare riferimento al settore agro-pastorale.

PR.EME, avviso pubblico ALSIA per aziende agricole che ospiteranno tirocini di migranti
Una manifestazione di interesse da parte di aziende lucane operanti nel settore dell'agricoltura, e disposte ad ospitare 60 tirocini extracurriculari a favore di altrettanti lavoratori extracomunitari regolarmente soggiornanti nel territorio della Regione Basilicata.
Ecommerce, arriva il 40% di credito d'imposta
Pubblicato dall'Agenzia delle Entrate il testo del provvedimento attuativo che incentiva gli investimenti materiali effettuati dalle reti di aziende agricole e agroalimentari per l'espansione delle vendite online nel 2021 e nel 2022

Letture dal campo

letture dal campo
Commissione europea approva regime di aiuti da 1,2 mld per agricoltura, silvicoltura e pesca
La Commissione europea ha approvato il regime quadro italiano notificato dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali che mette a disposizione 1,2 miliardi di euro a sostegno dei settori dell'agricoltura, della silvicoltura, della pesca e dell'acquacoltura per ridurre l'impatto sull'economia nazionale dall'invasione russa dell'Ucraina. Il regime è stato approvato nell'ambito del Quadro temporaneo di crisi per gli aiuti di Stato adottato dalla Commissione europea il 23 marzo 2022. Gli indennizzi previsti dalla misura di aiuto, rivolti alle imprese colpite dall'aumento dei prezzi dell'elettricità, dei mangimi e dei carburanti causato dall'attuale crisi, sono concessi sotto forma di sovvenzioni dirette, di agevolazioni fiscali o di pagamento, di anticipi rimborsabili e di riduzione o esenzione dal pagamento dei contributi previdenziali e assistenziali. In particolare gli aiuti non potranno superare il massimale di 35mila euro per le imprese attive nel settore primario e quello della pesca e dell'acquacoltura, mentre per le imprese attive nel settore forestale e in quello della trasformazione e commercializzazione il limite è posto a 400mila euro.
Tutti gli aiuti dovranno essere concessi entro il 31 dicembre 2022.

(Fonte www.politicheagricole.it)
Biologico: in arrivo fondi per 3 miliardi, ma preoccupa allarme della Corte dei Conti
Tre miliardi di risorse in arrivo tra Piano strategico nazionale, Pnrr e fondo ad hoc e una legge fresca di approvazione parlamentare: superata la stagione delle polemiche, il biologico si prepara al grande salto. Forte di un miliardo aggiuntivo dalla Pac per i prossimi cinque anni, l’obiettivo ora è centrare il target del 25% di Superficie agricola utilizzata (Sau) entro il 2027. Ma mentre sul settore si annuncia un colpo di acceleratore, la Corte dei Conti accende un faro sul cospicuo ingorgo di risorse inutilizzate del Fondo per la ricerca sul biologico, il tesoretto istituito per sostenere il Piano strategico nazionale che in sei anni – dal 2014 al 2020 – puntava a raddoppiare la superficie coltivata a bio (da 1,3 milioni di ettari a 2,1 milioni), implementando da 3,88 miliardi a 5 miliardi di euro il fatturato. I magistrati contabili definiscono “modeste” le percentuali che quantificano il rapporto tra pagato e massa spendibile: era l’8% nel 2020 e il 4% nel 2021. Iter amministrativi farraginosi e proroghe da parte degli enti attuatori non valgono, secondo la Corte, a giustificare tale immobilizzo di risorse, anzi: i magistrati stigmatizzano la lentezza dell’amministrazione che avrebbe dovuto adottare misure di snellimento del procedimento.

(Fonte www.ilsole24ore.com)

Storie e territorio

storie e territorio 2
Oli d’Italia 2022. A Elena Fucci il premio Olio&Vino
La valorizzazione comunicativa e commerciale di un olio extravergine di qualità passa anche attraverso quella di un buon vino. Crescono sempre di più le aziende vitivinicole che producono oli di altissimo livello, rifiutandosi di relegarli a un gradino più basso rispetto alle loro etichette enoiche. Tra loro c’è Elena Fucci.
È lei la regina dell’Aglianico del Vulture, Elena Fucci, giovane e appassionata imprenditrice, non solo guida la sua azienda vinicola con risultati di assoluta eccellenza (il suo Titolo è uno dei migliori vini italiani) ma segue anche l'oliveto, che sebbene non esteso (poco meno di 2 ettari con 600 piante) è molto curato. A lei e alla sua azienda vai il premio Olio & Vino nella guida Oli d'Italia del Gambero Rosso. L’esperienza Fucci nasce nel mondo del vino, nel 2000. All'epoca si parlava di vendere i vigneti e gli oliveti di famiglia, terreni che Elena decise di mantenere e valorizzare studiando viticoltura ed enologia. Partì con solo 1200 bottiglie di vino, prodotte nella cantina ristrutturata sotto l’abitazione di famiglia, e qualche quintale di olio per l’uso famigliare. L’esperienza dell’olio, imbottigliato e commercializzato, invece nasce negli ultimi anni, addentrandosi in questo settore con molta umiltà e con risultati eccellenti.

(Fonte www.gamberorosso.it)
A Grottaglie un polo cargo per portare sui mercati europei i prodotti agricoli del sud
I prodotti di punta dell’agricoltura pugliese dall’estate 2023 raggiungeranno i mercati europei grazie al polo cargo dell’aeroporto di Grottaglie, in provincia di Taranto. È sulla rampa di lancio, infatti, il progetto che la società Gesfa, ha presentato lo scorso anno ad Aeroporti di Puglia. Gesfa avvierà i lavori che prevedono il recupero edilizio di una vecchia struttura degli anni 60 (un ex inceneritore che si trova all’interno del sedime aeroportuale), non più utilizzata da allora. Il polo cargo risponderà alle esigenze della Puglia (e non solo) cui serve una piattaforma logistica integrata. Potrà infatti collegarsi con i principali hub cargo europei quali, ad esempio, Orly, Liegi e Francoforte per favorire l’export. Per Stefano Cavicchia, managing director Gesfa, « Credo, al di là dell'investimento stesso, che sarà una svolta per tutto il territorio economico pugliese e del centro sud. Permetterà alle merci di partire da Grottaglie in aereo e non fare più tratte in camion sino a Milano. Contiamo sul supporto del territorio e della struttura professionale che ruota attorno alla logistica aerea».

(Fonte www.ilsole24ore.com)

Il valore della terra

paesaggio rurale
Giornata mondiale della biodiversità: l’appello di Slow Food
In occasione della Giornata mondiale della Biodiversità che si è celebrata il 22 maggio, Slow Food lancia un appello alla comunità internazionale e chiede che si aumentino gli sforzi per mettere in salvo questa risorsa indispensabile alla sopravvivenza dell’umanità. I governi si riuniranno a giugno per definire il prossimo Piano strategico mondiale per la biodiversità. La biodiversità è il fondamento della produzione alimentare e comprende specie e varietà di piante, razze animali, ma anche ecosistemi, conoscenze e culture. Riconoscerne il ruolo e l’importanza è fondamentale ai fini della sicurezza alimentare, dello sviluppo sostenibile e del sostentamento di molti servizi ecosistemici di vitale importanza. Slow Food propone di assegnare finanziamenti pubblici a chi lavora per il bene comune: il sostegno economico dei governi dovrebbe essere concesso soltanto ai sistemi di coltivazione agroecologica che producono cibo contribuendo alla sostenibilità socio-culturale, economica e ambientale delle loro aziende agricole e dei territori in cui operano. Il Piano strategico mondiale per la biodiversità deve affrontare i numerosi fattori che causano la perdita di biodiversità: la progressiva concentrazione delle filiere alimentari in pochissime multinazionali, i sistemi di coltivazione e allevamento sempre più intensivi, il consumo crescente di prodotti ultraprocessati e gli sprechi.

(Fonte www.agrigiornale.net)
Come diventare imprenditore agricolo professionale
I giovani italiani sono attratti dai cambiamenti in atto nel settore dell'agricoltura. Una scelta strategica per le nuove imprese under 35 è l'acquisizione della qualifica di Imprenditore agricolo professionale (IAP). Decisiva anche per l'accesso a una serie di agevolazioni, dai finanziamenti ai contributi a fondo perduto. Il contadino moderno è un imprenditore a tutti gli effetti. Un mestiere complesso che non si improvvisa. Per coloro che sono interessati ad avviare un’impresa agricola, si aggiunge la necessità strategica di acquisire la qualifica di imprenditore agricolo professionale (IAP), così come sancito dal D.lgs. 99/2004. Per fare ciò, occorre essere in possesso di specifiche conoscenze e competenze professionali agricole (es. diploma di perito o tecnico agrario, laurea in agraria oppure aver frequentato con successo appositi corsi IAP) e dedicare alle attività agricole - di cui all'articolo 2135 del codice civile - almeno il cinquanta per cento del proprio tempo di lavoro complessivo congiuntamente ad un ricavo dalle attività medesime di almeno il cinquanta per cento del proprio reddito globale da lavoro. È anche necessario iscriversi nell’apposita gestione previdenziale ed assistenziale degli agricoltori tenuta dall’INPS.

(Fonte fasi.eu/it)

Eventi in agenda

eventi in AGENDA
L’agricoltura italiana di fronte alla crisi internazionale: energia e commercio. Crisi globale e crisi commerciale: quali implicazioni per l’agroalimentare italiano?
Lunedì 13 giugno

Per approfondimenti reterurale.it e crea.gov.it

L'agricoltura per la sostenibilità
Mercoledì 15 giugno ore 09.30 Roma Biblioteca dell'Accademia Nazionale delle Scienze
Per approfondimenti aissa.it
Agribiogas 2022 - Cibo ed Energia, la sfida possibile
Venerdì 17 giugno ore 09.00 Caramagna Piemonte (CN)
Per approfondimenti monvisoenergia.it
MailPoet