banner testa

N. 10 / 2021

Prima-foto
Non solo olio. Tanti gli appuntamenti nel mese di novembre 2021 che hanno visto protagonista l’olivicoltura. Lo scorso 3 novembre, nel corso della Conferenza Stato-Regioni, viene sancita l’intesa sulle “Linee guida e indirizzi in merito ai requisiti e agli standard minimi di qualità per l’esercizio dell’attività oleoturistica”. Un passo assolutamente importante verso la legge sull’oleoturismo, che, al pari dell’enoturismo, darà anche ai produttori di olio EVO la possibilità di accogliere i turisti. Il 26 novembre, invece, è stata celebrata la "Giornata internazionale dell'olivo", proclamata ormai da due anni dal Consiglio esecutivo dell'Unesco, in quanto “l’olivo è cultura, economia, territorio, paesaggio, collegamento tra i popoli”. E sempre a novembre, il 23, è stato sottoscritto dal Ministro delle Politiche Agricole Stefano Patuanelli, il decreto che definisce i criteri e le modalità di concessione di contributi per il sostegno e lo sviluppo della filiera olivicola-olearia per favorire l'aggregazione, l'incremento della produzione nazionale di olive ed aumentare la sostenibilità complessiva del settore.

Opportunità in rete

opportunità in rete
Premio regionale Olivarum per i migliori oli extra vergine di oliva, XVIII edizione – annata 2021/2022. È stato pubblicato, sul BUR speciale n. 82 del 25 novembre 2021, il concorso per l’assegnazione del “Premio regionale Olivarum per i migliori oli extra vergine di oliva di Basilicata, XVIII edizione – annata 2021/2022”, organizzato dalla Direzione generale per le Politiche agricole, alimentari e forestali della Regione Basilicata con la collaborazione dell’Agenzia lucana di sviluppo e innovazione in agricoltura (Alsia). Le domande dovranno pervenire entro le ore 12 del 31 gennaio 2022.
Campagna apistica 2021/2022, bando di sostegno per imprenditori ed Enti.
Approvato dalla Giunta della Regione Basilicata il bando per la presentazione delle domande di contributo per la campagna apistica 2021/2022, con una dotazione finanziaria di 128.468,00 euro. L’avviso è rivolto ad apicoltori singoli o associati, Istituti di ricerca, Enti e forme associate che dimostrino di avere esperienza pluriennale nel settore dell’apicoltura. Le misure previste sono volte al miglioramento dell’efficienza gestionale degli allevamenti apistici attraverso azioni di assistenza tecnica, informazione e divulgazione, acquisizione di arnie e attrezzi utili alla conduzione dell’apiario, ripopolamento del patrimonio apistico regionale e azioni relative al miglioramento qualitativo dei prodotti dell’alveare mediante analisi dei mieli e/o altri prodotti dell’apicoltura.
Agevolazioni per la promozione all’estero di marchi collettivi e di certificazione. Dal 22 novembre 2021 e fino al 22 dicembre 2021 le associazioni rappresentative delle categorie, i consorzi di tutela di cui all’art. 53 della legge 24 aprile 1998, n.128, e altri organismi di tipo associativo o cooperativo potranno presentare, al soggetto gestore Unioncamere, le domande per l’accesso alle agevolazioni, previste nella misura massima di 150.000,00 euro, a fronte di iniziative di promozione all’estero del marchio collettivo o di certificazione da realizzare entro i 10 mesi successivi alla concessione del finanziamento, a valere sullo stanziamento del 2021. La modulistica è scaricabile dal sito dedicato.
Indennità Covid a favore dei soci lavoratori autonomi di cooperative della piccola pesca, degli armatori e dei proprietari armatori, nonché dei pescatori autonomi ai sensi della circolare INPS 19 novembre 2021, n.173. E’ possibile presentare domanda fino al 31 dicembre.

Letture dal campo

letture dal campo
Online il portale SiSi-Soluzioni Innovative nel Settore Ittico.
Online il nuovo portale SiSi - Soluzioni Innovative nel Settore Ittico avente l’obiettivo di promuovere la conoscenza e l'applicazione di soluzioni e strumenti innovativi tra le imprese della pesca e dell'acquacoltura. Nato per iniziativa del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali e dell'Unioncamere, il portale "SiSi" è la prima banca dati mai realizzata in tale ambito, con oltre 3.500 brevetti, 33.600 pubblicazioni e ricerche scientifiche. Attraverso un approfondito lavoro di scouting e analisi di brevetti e pubblicazioni scientifiche prodotte a livello nazionale e internazionale, un team di esperti del Ministero e dell'Unioncamere propone attraverso SiSi una selezione delle innovazioni più promettenti e di utilità per il settore ittico, distinte per temi e ambiti di applicazione. Tutte le innovazioni disponibili sul portale sono corredate di schede di approfondimento, in grado di favorire la comprensione delle innovazioni e la conoscenza degli inventori e, per quelle ritenute di maggiore interesse per gli operatori economici, capaci di fornire anche indicazioni sui possibili vantaggi derivanti dalla loro applicazione.
agroforestazione
Agroforestazione: cos'è e quali vantaggi offre.
Sempre più spesso ultimamente si sente parlare di agroforestry ovvero di una pratica vantaggiosa economicamente per gli agricoltori ma allo stesso tempo volta a incrementare la sostenibilità dell'agricoltura. L'agroforestry prevede infatti di coltivare sullo stesso appezzamento una coltura arborea ad alto fusto, come ad esempio il pioppo, e una coltura a taglia bassa, come il frumento, il mais, le orticole, erbacee annuali e poliennali in genere. Se correttamente pianificata l'agroforestazione crea delle sinergie tra le differenti colture evitando competizione per le risorse. Un esempio è dato proprio dall’associazione di pioppo e frumento. Il pioppo è infatti una pianta ad alto fusto che perde le foglie in autunno e rinnova la sua chioma tra aprile e maggio. Il frumento invece è una coltura a taglia bassa che si sviluppa durante l'inverno e la primavera. Ecco perché importante è la progettazione degli impianti che dovrà evitare che le specie vadano in competizione per la luce del sole, l'acqua, oppure i nutrienti. L'obiettivo è quello di avere differenti colture che insistano sullo stesso suolo in modo da massimizzare la redditività del campo ed avere un impatto ambientale positivo migliorando la resilienza del suolo.

Storie e territorio

cibo
“Guida Michelin” e “Tre bicchieri 2022”: la Basilicata mantiene il suo protagonismo.
Stella confermata, nella 67esima edizione della “Guida Michelin”, per due ristoranti lucani: “Don Alfonso 1890 San Barbato” di Lavello e “Vitantonio Lombardo” di Matera. Le recensioni dedicate ai due ristoranti, nella guida stellata, puntano sulla creatività e l’elevato standard qualitativo offerto dalle strutture lucane, con particolare attenzione alle materie prime e alla rivisitazione dei piatti della nostra terra. I complimenti vanno alla famiglia Iaccarino la quale ha portato al ‘San Barbato’ la stessa filosofia e la stessa passione che hanno reso il ‘Don Alfonso 1890’ uno dei più importanti ristoranti al mondo; dall’altro al lucano Vitantonio Lombardo il quale, dopo un lungo peregrinare presso alcune delle migliori corti gastronomiche italiane e internazionali, ha deciso di tornare a cucinare nella propria terra.
Successo anche per l’Aglianico del Vulture nella 35esima edizione della “Guida Vini d’Italia”. Sono ben cinque i vini lucani premiati dal “Gambero Rosso” con i “Tre Bicchieri 2022” su 47mila campioni assaggiati: Aglianico del Vulture Calice 2019 – Donato D’Angelo di Filomena Ruppi; Aglianico del Vulture Il Repertorio 2019 – Cantine del Notaio; Aglianico del Vulture Nocte 2017 – Terra dei Re; Aglianico del Vulture Re Manfredi 2018 – Re Manfredi – Cantina Terre degli Svevi; Aglianico del Vulture Titolo 2019 – Elena Fucci.
FS e Coldiretti per la filiera agroalimentare.
E’ stato siglato un accordo tra Coldiretti e Gruppo FS Italiane in occasione del Forum Internazionale dell’Agricoltura e dell’Alimentazione tenutosi a Roma, avente quale obiettivo quello di rafforzare il ruolo della ferrovia come infrastruttura logistica strumentale e funzionale allo sviluppo sostenibile della filiera agroalimentare. Uso di sostanze ecologiche da bioeconomia circolare lungo i binari, utilizzo degli edifici dismessi o delle piccole stazioni per accogliere i mercatini di Campagna Amica, ma anche fiere ed eventi, e utilizzo dei terreni prossimi ai binari, alle strade e a impianti di pertinenza delle società del Gruppo FS per realizzare impianti di produzione di energie rinnovabili, evitando così di sottrarre spazi alle coltivazioni agricole sono solo alcuni degli aspetti inseriti nell’accordo. In epoca di transizione ecologica il tema centrale è la definizione di programmi innovativi per l’utilizzo di sostanze da chimica verde nei terreni di reciproca competenza, come le aree prossime ai binari. Lo scopo è quello di mantenere efficienti i 17mila chilometri di rete ferroviaria in modo ecologico attraverso lo studio e i test di prodotti totalmente green, biodegradabili nel suolo che non generino residui nel terreno o nelle piante trattate. (Fonte www.federturismo.it)

Il valore della terra

paesaggio rurale
Salvare i paesaggi rurali storici.
"Il paesaggio rurale è una risorsa per il nostro territorio ed è una risorsa per il nostro Paese. Attraverso il Paesaggio rurale si può tutelare il lavoro che i nostri agricoltori fanno quotidianamente e che ci ha permesso di poter avere in eredità la nostra storia e tutto quello che abbiamo". È con queste parole che il sottosegretario alle Politiche agricole Gian Marco Centinaio spiega come il paesaggio rurale rappresenti un patrimonio per l’Italia e per il suo turismo. Tutelare i territori più preziosi e delicati del nostro ecosistema, incentivare le colture che producono alimenti di qualità, proteggere i paesaggi che creano valore economico e, soprattutto, sostenere coloro che con un lavoro di cura e manutenzione proteggono tutti dal dissesto idrogeologico: questi gli obiettivi verso cui far convergere tutte le azioni di valorizzazione dei siti italiani, iscritti nel Registro dei Paesaggi Rurali Storici. E come stabilito nel primo Congresso nazionale, che si è svolto a Firenze, entro febbraio 2022 nascerà l’Associazione dei Paesaggi Rurali Storici Italiani, un nuovo organismo che si porrà come interlocutore istituzionale del governo nazionale e di quello europeo. “Il cambiamento climatico ci pone un grande tema: identificare una nuova via che riesca ad essere più equilibrata possibile, sostenibile sia dal punto di vista economico che sociale, oltre che ambientale” ha concluso, durante l'ultima giornata del congresso, il vicedirettore generale della FAO, Maurizio Martina. “La via sta nella valorizzazione effettiva della ruralità e delle culture agricole e alimentari. Per produrre meglio, consumando meno”. (Fonte www.agricolae.eu)
baby leaf
Da uno studio CREA il supporto digitale alla lotta biologica dei patogeni delle insalatine.
Rucola, lattughino e spinacino saranno sempre più sani e sicuri e avranno rese più alte grazie ai sensori ottici a supporto del biocontrollo dei patogeni con gli antagonisti naturali messi a punto dal CREA. Un risultato importante per gli ortaggi da foglia della tipologia baby-leaf, particolarmente esposti per il loro ambiente di coltivazione a patogeni (specie quelli che vivono nel suolo) che possono ridurne qualità e produttività. Per limitare questo rischio in maniera sostenibile, un team di ricercatori del CREA Orticoltura e Florovivaismo ha sviluppato, nell’ambito del progetto AgriDigit-Agrofiliere, protocolli di gestione fitopatologica finalizzati al controllo biologico mediante l’impiego di microrganismi, nemici naturali dei patogeni, evitando di utilizzare fungicidi di sintesi, dannosi per l’ambiente.
Lo studio mostra la possibilità di tracciare con sensori ottici iperspettrali l’attività di biocontrollo degli antagonisti microbici per la protezione degli ortaggi baby-leaf, fornendo informazioni utili a ottimizzare gli interventi nel tempo e nello spazio, in modo da realizzare un vero e proprio controllo biologico di precisione. Il passo successivo sarà l’implementazione di questi sensori su macchine operatrici e piccoli veicoli autonomi. Tale ricerca avrà ricadute per i consumatori consentendo di aumentare la qualità delle produzioni, riducendone la dipendenza dai fungicidi di sintesi e sull’ambiente in quanto rappresenta una soluzione sostenibile per i processi produttivi primari della filiera degli ortaggi di largo consumo. (Fonte www.agricolae.eu)

Eventi in agenda

eventi in AGENDA
Webinar "Il suolo è vivo", giovedì 2 dicembre, ore 14:00
Per approfondimenti terraevita.edagricole.it/webinar-il-suolo-e-vivo
Futurpera 2021- Fiera della pera, dal 2 al 4 dicembre, Ferrara. Per approfondimenti futurpera.com
Mostra Provinciale Bovina d'inverno e 25^ Rassegna delle Macchine e Attrezzature per l'Agricoltura e la Zootecnica BOVIMAC, dal 3 al 5 dicembre, Gonzaga (MN). Per approfondimenti www.fieramillenaria.it/bovimac
1° corso di “Introduzione all’analisi sensoriale del miele”, presso polo di Pantanello di Metaponto (Bernalda, MT), Centro Ricerche dell’ALSIA “Metapontum Agrobios”, dal 10 al 14 dicembre 2021. Per informazioni e iscrizioni https://bit.ly/ALSIA-miele1
Italian Food Design. Ridisegnare il cibo italiano in un'ottica di sostenibilità, evento organizzato dal CREA per raccontare una nuova visione del cibo, i progetti in corso e quelli da realizzare per sostenere e migliorare il valor del Made in Italy, lunedì 13 dicembre, ore 9:30, Roma. Per approfondimenti www.cia.it/italian-food-design
I 40 anni di turismo verde-CIA. Continuiamo a costruire la storia dell'Agriturismo, martedì 14 dicembre ore 10:30, Roma Per approfondimenti www.cia.it/i-40-anni-di-turismo-verde-cia/
Clicca il pulsante in basso per leggere le newsletter precedenti
MailPoet